Anemia

By Marc Ryckaert (MJJR) - Own work, CC BY 3.0 Endometriosi
By Marc Ryckaert (MJJR) - Own work, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=6957385

L’anemia è il più comune dei disordini del sangue.

Il ruolo dei globuli rossi.
I globuli rossi trasportano l’emoglobina, una proteina ricca di ferro a cui si lega l’ossigeno nei polmoni che poi viene trasportato nei tessuti di tutto il corpo. L’anemia si verifica quando non si hanno abbastanza globuli rossi o quando i globuli rossi non funzionano correttamente.

Viene diagnosticata quando un esame del sangue mostra un valore di emoglobina inferiore a 13,5 g/dl in un uomo o inferiore a 12,0 g/dl dl in una donna. I valori normali per i bambini variano con l’età.

Quando hai l’anemia, il tuo corpo manca di ossigeno, quindi potresti riscontrare uno o più dei sintomi elencati di seguito.

  1. Debolezza.
  2. Mancanza di respiro.
  3. Vertigini.
  4. Battito cardiaco veloce o irregolare.
  5. Mal di testa.
  6. Mani o piedi freddi
  7. Colore pallido della cute .
  8. Fastidio al petto.

Chi è a rischio?
Molte persone sono a rischio di anemia a causa di cattiva alimentazione, disturbi intestinali, malattie croniche, infezioni, età e altre condizioni.

Le donne che hanno le mestruazioni o le gestanti e le persone con condizioni mediche croniche sono maggiormente a rischio per questa malattia. Il rischio aumenta nelle persone anziane. Se ha una qualsiasi delle seguenti condizioni croniche, potrebbe essere a maggior rischio di sviluppare anemia:

  1. Artrite reumatoide o altra malattia autoimmune.
  2. Malattie renali.
  3. Cancro.
  4. Malattia del fegato.
  5. La malattia della tiroide.
  6. Malattia infiammatoria intestinale (malattia di Crohn o colite ulcerosa).

I segni e i sintomi all’inizio possono passare inosservati. Infatti, molte persone non si rendono nemmeno conto di avere l’anemia fino a quando non viene identificata tramite l’esame emocromocitometrico del sangue.

Forme comuni.

L’anemia da deficienza di ferro è la forma più comune. Succede quando non hai abbastanza ferro nel tuo corpo. La carenza di ferro è solitamente dovuta alla perdita di sangue, ma a volte può essere dovuta al cattivo assorbimento del ferro. La gravidanza e il parto consumano molto ferro e possono quindi causare anemia legata alla gravidanza. Le persone che hanno subito un intervento chirurgico di bypass gastrico per dimagrire o per altri motivi possono anche essere carenti di ferro a causa del loro scarso assorbimento.

Da carenza di vitamina può derivare da bassi livelli di vitamina B12 o acido folico (acido folico), di solito a causa di un apporto dietetico insufficiente. L’anemia perniciosa è una condizione in cui la vitamina B12 non può essere assorbita nel tratto gastrointestinale.

Gravidanza. Scopri i fattori di rischio e i sintomi dell’anemia durante la gravidanza.

L’anemia aplastica è una rara patologia da insufficienza midollare in cui il midollo osseo smette di produrre abbastanza globuli (globuli rossi, globuli bianchi e piastrine). Ciò si verifica in seguito alla distruzione o alla carenza di cellule staminali emopoietiche nel midollo osseo, in particolare quando il sistema immunitario del corpo attacca le cellule staminali. Tuttavia, le poche cellule del sangue che il midollo produce sono normali. Anche le infezioni virali, le radiazioni ionizzanti e l’esposizione a sostanze chimiche o farmaci tossici possono causare anemia aplastica.

L’anemia è prevenibile?
Mangiare cibi sani può aiutare a evitare l’anemia da carenza di ferro e di vitamine. Gli alimenti da includere nella dieta includono quelli con alti livelli di ferro (manzo, verdure a foglia verde scuro, frutta secca e noci), vitamina B12 (carne e latticini) e acido folico (succhi di agrumi, verdure a foglia verde scuro, legumi e cereali fortificati). Un multivitaminico quotidiano può anche anche a prevenire le anemie nutrizionali.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, comprovati anche dai riferimenti bibliografici, gli autori del sito Neuroinfiammazione declinano ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti e altro, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante. Infatti, il contenuto, i prodotti e i servizi del blog Neuroinfiammazione hanno l'obiettivo di informare sulle malattie che possono influire sulla vita quotidiana. Ciò nonostante, nulla nel contenuto, nei prodotti o nei servizi deve essere considerato o utilizzato come sostituto alla consulenza medica.

Leggi il Disclaimer.