Come funziona la dieta mediterranea

Proprietà "Medicina per te" 2015

Sicuramente ti sarai chiesto come funziona la dieta mediterranea. Cercheremo di esserti utili e esaurienti in questo post.

A differenza di molte diete tradizionali utilizzate per perdere peso, la dieta mediterranea è meno rigorosa. Non troverai mai detto “questo mangialo!! questo non mangiarlo!!” La dieta mediterranea è più un modello generale di alimentazione e di stile di vita.

Come dimostrano dalla piramidi della dieta mediterranea di Oldways Preservation Trust e della Fundación Dieta Mediterránea, la dieta mediterranea include tutti gli alimenti, anche se forse in piccole proporzioni rispetto alla comune alimentazione occidentale. Non è un programma rigido, infatti, la dieta mediterranea può essere difficile da “prescrivere” alle persone che vogliono perdere peso a causa delle linee guida piuttosto flessibili. Comunque, il coinvolgimento di un dietista professionale può essere utile per indicare alla persona come abituarsi al modello mediterraneo lasciando al comune dieta occidentale.

Come già specificato, la dieta mediterranea è a base vegetale: i pazienti dovrebbero mangiare verdura, frutta e cereali ad ogni pasto. Le principali fonti proteiche della dieta mediterranea sono fagioli e legumi, oltre a pesce e altri frutti di mare, consumati più volte al giorno, e si abbinano a piccole porzioni di latticini e uova a basso contenuto di grassi. Il pollame e carne sono alimenti non frequenti nella dieta mediterranea e i dolci sono ancora meno frequenti.

L’alcol può essere consumato ma con moderazione e in conformità con le abitudini culturali e sociali della persona. Anche se il consumo regolare di alcol, in particolare il vino, mostra effetti benefici associati al contenuto fitochimico non è obbligatorio nella dieta mediterranea.

Secondo la Fundación Dieta Mediterránea,gli alimenti dovrebbero essere freschi e sottoposti il meno possibile a trasformazione, preparati in modo semplice e senza conservanti. Quindi la sede di origine degli alimenti e la stagionalità sono importanti. Tuttavia, se i prodotti freschi non sono stagionalmente disponibili o non rientrano nel budget finanziario del paziente, è possibile utilizzare frutta e verdura surgelate, basta che siano simili in termini nutrizionali a quelle fresche.

La Fundación Dieta Mediterránea sottolinea alcuni aspetti imprenscindibili rappresentato in maniera grafica nella famosa piramide .

  1. Evitare cibi confezionati e lavorati perchè sono comunemente ricchi di sodio, zucchero e grassi non buoni, tutti fattori che possono contribuire ad aumentare i rischi per l’ipertensione, malattie cardiovascolari, diabete e aumentare di peso. Questi alimenti sono generalmente calorici, ma non ricchi di nutrienti, il contrario dei cibi della Dieta Mediterranea.
  2. Evitare tutte le bevanda eccetto acqua e vino. Quindi bisogna escludere succhi, bibite gassate, caffè zuccherato e bevande del tè e altre bevande zuccherate che sono fonti di calorie in eccesso.
  3. Evitare i dolcificanti e il sodio in eccesso o il cibo addolcito con aspartame, saccarina o additivi, non presenti in natura.
  4. Come già specificato, evitare il cibo che subisce intense trasformazioni, escludendo così anche i fast food.
  5. Escludere prodotti da forno, commercialmente prodotti, cibi surgelati o molti prodotti in scatola.

Quindi come funziona la dieta mediterranea ? La sostanziale differenza con la dieta comune occidentale è rappresentata dall’importante ruolo che hanno nella dieta mediterranea gli alimenti freschi e minimamente trasformati, il minore apporto di sale e zuccheri, il maggiore apporto di fibre alimentari e il passaggio da grassi saturi insalubri verso i grassi insaturi.

È fondamentale ribadire che, poiché la Dieta Mediterranea non è in realtà una dieta, ma piuttosto un modello dietetico o, più esattamente, uno stile di vita, non riguarda solo il cibo ma anche il benessere e la salute generale, sia fisica che mentale, come parte di uno stile di vita sano. Inoltre si pensa che una vita sociale fatta da relazioni consistenti contribuisca al benessere generale, grazie ai sentimenti  di supporto fornito dal frequente impegno con una rete di rapporti sociali. La dieta mediterranea spinge ad allontanarsi dalla mentalità della “fretta” e del mangiare in movimento. Fare la dieta mediterranea significa anche mettere da parte il tempo per preparare, cucinare e gustare un pasto più lungo con amici e familiari.

Le popolazioni mediterranee osservate per la prima volta dal Dr Keys , lo scopritore di come funziona la dieta mediterranea, e dai successivi ricercatori non seguivano solo una dieta sana, ma avevano una vita quotidiana regolare. Per questi soggetti lo stile di vita della dieta mediterranea forse non includeva l’esercizio come lo conosciamo oggi, ma implicava camminare, impegnarsi in lavori manuali o in occasionali attività sportive.

Pertanto chi vuole sapere come funziona le dieta mediterranea deve comprendere che alla dieta in sè deve trovare il modo di inserire attività fisica nella routine quotidiana, sia trovando un nuovo modo di spostarsi (ad esempio, camminare o in bicicletta) che impegnandosi in attività fisica leggera.

LEGGI

Nel 1995 nasce la piramide della dieta mediterranea

La Fundación Dieta Mediterránea

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, comprovati anche dai riferimenti bibliografici, gli autori del sito Neuroinfiammazione declinano ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti e altro, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante. Infatti, il contenuto, i prodotti e i servizi del blog Neuroinfiammazione hanno l'obiettivo di informare sulle malattie che possono influire sulla vita quotidiana. Ciò nonostante, nulla nel contenuto, nei prodotti o nei servizi deve essere considerato o utilizzato come sostituto alla consulenza medica.

Leggi il Disclaimer.