Nel 1995 nasce la piramide della dieta mediterranea

La Fundación Dieta Mediterránea

Ma come nasce la piramide della dieta mediterranea che spiega come si fa a mangiare sano? Dopo i pioneristici studi del Dr Keils negli anni ’50 e quelli successivi dei Dr Willet e del Dr de Lorgeril, nel 1995, l’associazione Oldways Preservation Trust, insieme al gruppo guidato dal Dr Willet della Harvard School of Public Health e al gruppo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha pubblicato la Piramide della Dieta Mediterranea per spiegare come mangiare sano con la dieta mediterranea .

La Piramide della dieta mediterranea, oggi ancora in uso, poggia su una base di alimenti vegetali (verdure, frutta, cereali e legumi); più su troviamo il pesce e i frutti di mare; quindi a livello ancora superiore piccole porzioni di latticini, pollame e uova; e infine le più piccole porzioni di carne e dolci. Nella dieta è incluso anche il vino, da bere con moderazione. Inoltre viene incoraggiata l’attività fisica regolare e la socializzazione durante i pasti.

In tutto il mondo associazioni  e gruppi di studio per la tutela della salute divulgano i vantaggi della dieta mediterranea attraverso la famosa piramide.

L’associazione statunitense Oldways Preservation Trust continua a promuovere la Dieta Mediterranea e i suoi benefici attraverso la piramide mostrata nella Fig.1, vari libri di cucina e altri materiali didattici che aiutano gli operatori sanitari a essere di supporto ai loro pazienti .

 

La Piramide della Dieta Mediterranea
Fig.1 La Piramide della Dieta Mediterranea

 

Con sede a Barcellona, ​​la Fundación Dieta Mediterránea (Fondazione per la dieta mediterranea) lavora per promuovere la dieta mediterranea garantendo una continua ricerca sui benefici del modello alimentare, distribuendo informazioni derivanti dalla ricerca sulla dieta e sostenendo le abitudini alimentari e di stile di vita delle popolazioni del Mediterraneo.

La Fundación Dieta Mediterránea

Come la Oldways, la Fondazione Dieta Mediterránea ha sviluppato una piramide alimentare che riflette i principi fondamentali della Dieta Mediterranea. La piramide della dieta mediterranea della Fundación Dieta Mediterránea si fonda su precisi principi.

  1. Gli alimenti a base di carboidrati integrali come pane e pasta oltre a frutta e verdura devono essere privilegiati.
  2. La metà dei frutti e delle verdure devono essere consumati crudi.
  3. L’olio d’oliva dev essere a principale fonte di grassi.
  4.  da utilizzare ad ogni pasto.
  5. Dovrebbero essere consumati quotidianamente le fonti vegetali di proteine ​​come noci e semi, nonché aromi a basso contenuto di sodio come aglio, cipolla ed erbe e latticini a basso contenuto di grassi.
  6. Consumare proteine ​​animali magre, come carne bianca, pesce e uova, nonché legumi e patate settimanalmente.
  7. I dolci dovrebbero essere consumati con parsimonia.
  8. L’alcol può essere consumato con moderazione secondo gli usi sociali e culturali.
  9. La piramide sostiene inoltre che i consumatori tengano conto delle abitudini locali, dei prodotti alimentari tradizionali, della stagionalità, della sostenibilità e della biodiversità.
  10. La Fundación Dieta Mediterránea promuove specificamente quelle che vengono chiamate “attività culinarie”, con particolare attenzione alla preparazione dei propri pasti piuttosto che fare affidamento su cibi preconfezionati, confezionati o da ristorante.
  11. Infine, viene proposta l’attività fisica e l’interazione sociale, ma con un riposo adeguato.

Sebbene Ancel Keys abbia portato l’attenzione globale sui benefici per la salute grazie alla piramide della dieta mediterranea negli anni ’50 e ’60, abitanti di paesi come Croazia, Spagna, Grecia, Italia, Marocco e Portogallo hanno preparato e goduto gli alimenti della dieta mediterranea per secoli. E come sottolineano sia Oldways che la Fundación Dieta Mediterránea, la Dieta Mediterranea è qualcosa di più del semplice cibo: è lo stile di vita antico di persone di molti paesi che circondano il Mar Mediterraneo.

Leggi:

Come funziona la dieta mediterranea

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, comprovati anche dai riferimenti bibliografici, gli autori del sito Neuroinfiammazione declinano ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti e altro, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante. Infatti, il contenuto, i prodotti e i servizi del blog Neuroinfiammazione hanno l'obiettivo di informare sulle malattie che possono influire sulla vita quotidiana. Ciò nonostante, nulla nel contenuto, nei prodotti o nei servizi deve essere considerato o utilizzato come sostituto alla consulenza medica.

Leggi il Disclaimer.