PSORIASI. Valutazione dell’associazione con lo stress su 19.939 pazienti adulti e 760 pediatrici

E’ sempre più evidente che la valutazione dello stress psicologico nei pazienti con psoriasi è una parte fondamentale della cura. Nell’ultimo numero dell’International Journal of Dermatology, è stata pubblicata una rassegna scientifica per confermare la relazione tra stress e psoriasi in pazienti di tutte le età.

La psoriasi è una malattia cronica della pelle che interessa il 2 e il 3% della popolazione generale. La sua eziologia non è pienamente  compresa ma è opinione corrente che sia multifattoriale con un ruolo cruciale rivestito dalla genetica e dai fattori ambientali. Tra questi fattori, lo stress psicologico sembra svolgere un ruolo importante.

Di seguito vengono esposte le ricerche internazionali più importanti mostrate in questa rassegna scientifica. Queste ricerche utilizzano metodi  di valutazione dello stress convalidati e standardizzati.

Studi epidemiologici

La prima ricerca è un ampio studio epidemiologico su 7.992 pazienti con diagnosi di psoriasi. Il 27% dei pazienti ha ricondotto la causa dell’insorgenza o della ricorrenza della psoriasi a eventi stressanti.

Un altro studio su 5.795 pazienti ha mostrato che il 35% dei pazienti ha riferito che l’insorgenza della malattia si è verificata durante un “periodo di stress” e il 66-71% che la loro psoriasi è stata esacerbata da eventi stressanti.

Aggiungendo altri due importanti studi epidemiologici su 846 pazienti, la quantità di pazienti con stress psicologico prima della insorgenza della psoriasi varia tra il 27 e il 71%

Studi clinici controllati

Uno studio clinico controllato su 169 pazienti, ha usato la “scala di riadattamento sociale di Holmes Rahe” per valutare lo stress psicologico. Il numero degli eventi stressanti era molto più alto nei pazienti con psoriasi rispetto (54%) ai popolazione controllo (19,5%) sia per l’esordio che per durante la riacutizzazione della malattia. Le donne con psoriasi volgare e maschi con la forma guttata sembravano avere una maggiore correlazione con lo stress.

Un’altra ricerca su 533 pazienti ha trovato differenze significative tra i gruppi con insorgenza di psoriasi guttata (OR 1,7, v2 = 7,6, P = 0,005) ed è stata dimostrata una correlazione tra il numero più elevato di eventi stressanti precedenti e l’insorgenza della psoriasi (v2 = 10.76, P = 0.001); tuttavia, quando i sessi venivano considerati separatamente, la tendenza era significativa solo per le donne.

Un’altro studio clinico controllato su 73 pazienti, utilizzando l’intervista Paykel per eventi di vita recente” (vedi sotto), è stata dimostrata una differenza significativa nella presenza dello stress tra i pazienti (insorgenza della psoriasi, 54% ) e i soggetti sani (23% ). Inoltre è stato osservato un quadro clinico peggiore nei pazienti che avevano un numero elevato di eventi stressanti(≥4 nell’ultimo mese).

Infine l’ultimo degli studi mostrati nella rassegna mostra risultati opposti. Infatti quest’ultimo studio su 3.994 pazienti seguiti sin dall’inizio della malattia è stata seguita nel tempo (in questi casi si definisce “studio prospettico”)  ed è stato confrontato lo stress con quello di soggetti controllo corrispondenti per età, sesso e anno di nascita. Non è stata trovata una differenza statisticamente significativa (1,23 IC 95% 0,83-1,82) tra i pazienti e i controlli per il rischio di insorgenza e per l’associazione tra stress precedente e insorgenza della psoriasi.

Confronto con casi di psoriasi pediatrica
Il più grande studio finora condotto sull’analisi dei fattori di rischio ambientale per l’insorgenza della psoriasi pediatrica ha mostrato che i ragazzi (537 casi)  riferivano quasi tre volte di più l’esposizione a eventi stressanti prima della diagnosi della vita rispetto ai soggetti controllo (2.94 CI 95% 2.28-3.79). In un’altra ricerca sono stati messi a confronto un gruppo di ragazzi (223 casi) e un gruppo di adulti (484 casi) ambedue affetti da psoriasi. Le riacutizzazioni erano dovute per eventi stressanti per il 50,4% rispetto al 42,7% degli adulti.

Conclusioni e Aspetti Pratici Quotidiani 

La revisione scientifica pubblicata nell’ultimo numero dell’International Journal of Dermatology, dimostra, in un significativo numero  di pazienti, l’associazione tra livelli di stress psicologico e insorgenza, recidiva e gravità della psoriasi.

Sarebbe anche opportuno considerare anche altri parametri clinici per valutare lo stress come (ad es., frequenza cardiaca, cortisolo salivare, l’ICAM-3 e il sIL-2R, IL-6) analizzando ancora meglio le influenze che hanno l’età, sesso, storia familiare e tipo di psoriasi.

Per quanto riguarda gli aspetti pratici è stato dimostrato che le terapie dirette alla pelle migliorano i fattori specifici della psoriasi, ma non hanno un impatto sul benessere psicologico generale, che è prognosticamente importante per la gravità della malattia e il rischio di recidiva. Studi sugli interventi psicologici (ad esempio, terapia cognitivo-comportamentale, meditazione) in combinazione con trattamenti convenzionali hanno dimostrato una maggiore riduzione della gravità clinica e dello stress e della disabilità correlati alla psoriasi rispetto ai pazienti  con sola gestione standard.

Infine nella revisione viene suggerito che i medici includano lo “stress” come fattore scatenante nella valutazione della psoriasi e che considerino gli interventi psicologici come di aiuto, in particolare nei pazienti che sono considerati “stress responders” cioè in quei pazienti in cui il legame con lo stress è evidente.

CALCOLA L’INDICE DEGLI EVENTI STRESSANTI DI VITA RECENTE DI PAYKEL

IDEventoValore
1Morte di un figlio19,33
2Morte del coniuge18,76
3Sentenza di carcerazione17,60
4Morte di un familiare stretto17,21
5Infedeltà del coniuge16,78
6Grosse difficoltà finanziarie16,57
7Crollo negli affari16,46
8Licenziamento16,45
9Aborto o figlio nato morto16,34
10Divorzio15,93
11Separazione coniugale dovuta a conflitti15,93
12Chiamata in giudizio per gravi violazioni della legge15,79
13Gravidanza non desiderata15,57
14Ricovero in ospedale di un familiare (grave malattia)15,30
15Disoccupazione per un mese15,26
16Morte di un caro amico15,18
17Retrocessione nel lavoro15,05
18Grave malattia fisica personale14,61
19Inizio di relazione extraconiugale14,09
20Perdita di oggetti personali di valore14,07
21Causa legale13,78
22Insuccesso accademico (esami o corso)13,52
23Matrimonio del figlio senza consenso13,24
24Rottura di fidanzamento o relazione13,23
25Aumento dei conflitti coniugali13,02
26Aumento dei conflitti con familiari conviventi12,83
27Aumento dei conflitti con fidanzato/a, partner12,66
28Grosso debito (più di metà del guadagno annuale)12,64
29Partenza del figlio per il servizio di leva12,32
30Conflitto con il capo o i collaboratori12,21
31Conflitti con familiari non conviventi12,11
32Trasferimento in un altro paese11,37
33Menopausa11,02
34Difficoltà finanziarie moderate10,91
35Separazione da una persona significativa (amico, parente)10,68
36Sostenere un esame importante10,44
37Separazione dal coniuge non dovuta a conflitti10,33
38Cambiamento negli orari di lavoro9,96
39Nuova persona in casa9,71
40Pensionamento9,33
41Cambiamento delle condizioni di lavoro9,23
42Cambiamento nel tipo di lavoro8,84
43Rottura con il/la ragazzo/a8,80
44Cambiamento di residenza (nuova città)8,53
45Cambiamento nella scuola8,15
46Termine degli studi7,61
47Un figlio lascia la casa (per college, ecc.)7,20
48Riconciliazione coniugale (dopo che il partner ha lasciato la casa)6,95
49Violazione della legge di grado lieve6,05
50Nascita di un figlio vivo (per la madre)5,91
51Gravidanza della moglie5,67
52Matrimonio5,61
53Promozione5,39
54Malattia fisica personale minore (che richiede visita medica)5,20
55Trasloco (nella stessa città)5,14
56Nascita di un bambino (per il padre), adozione5,13
57Inizio della scuola5,09
58Fidanzamento del figlio4,53
59Fidanzamento3,79
60Gravidanza desiderata3,56
61Matrimonio del figlio/a con consenso2,94
Fonte: The associations between psychological stress and psoriasis: a systematic review. Stewart TJ, Tong W, Whitfeld MJ. Int J Dermatol. 8 Mar 2018. doi: 10.1111/ijd.13956 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, comprovati anche dai riferimenti bibliografici, gli autori del sito Neuroinfiammazione declinano ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti e altro, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante. Infatti, il contenuto, i prodotti e i servizi del blog Neuroinfiammazione hanno l'obiettivo di informare sulle malattie che possono influire sulla vita quotidiana. Ciò nonostante, nulla nel contenuto, nei prodotti o nei servizi deve essere considerato o utilizzato come sostituto alla consulenza medica.

Leggi il Disclaimer.