Ultime novità dell’uso degli analoghi della Vitamina D per la Psoriasi 2018

Vuoi essere sicuro di conoscere le ultime novità dell’uso della vitamina D per la psoriasi ? Forse ci sono novità che dovresti sapere. Facciamo di tutto per darti le informazioni più aggiornate…. speriamo di farlo bene! se ti va, lascia un commento; per noi il tuo parere è importante.

Gli analoghi della vitamina D determinano la differenziazione dei cheratinociti e l’inibizione della proliferazione dei cheratinociti grazie al legame dei recettori della vitamina D dentro la cellula e alla  conseguente regolazione del gene. Esistono tre analoghi della vitamina D, calcipotriolo, calcitriolo e tacalcitolo, usati per il trattamento della psoriasi.

Il calcipotriolo, non ancora commercializzato in Italia, è disponibile sotto forma di crema, soluzione, schiuma e unguento e ha le seguenti caratteristiche.

  1. L’unguento al calcipotriolo quando usato in unica terapia, permette un miglioramento superiore al 75% nei pazienti con psoriasi cronica di tipo a placche rispetto a un miglioramento del 19% nei pazienti trattati con placebo.
  2. L’unguento al calcipotriolo ha la stessa efficacia dei potenti corticosteroidi topici come il betametasone dipropionato, nel trattamento delle placche psorotiche sul corpo.
  3. L’unguento al calcipotriolo è meno efficace dei corticosteroidi topici come il betametasone dipropionato, nel trattamento della psoriasi del cuoio capelluto.

Il calcitriolo è un analogo sintetico della vitamina D disponibile come un unguento e ha gli stessi effetti del calcipotriolo. Tuttavia, il calcitriolo sembra essere meglio tollerato in aree sensibili come la faccia o le pieghe sottoposte a maggiore sfregamento.

Il tacalcitolo sebbene la sua efficacia sia dimostrata per il trattamento della psoriasi, sembra essere meno efficace rispetto ai corticosteroidi topici nel trattamento della psoriasi del cuoio capelluto.

Il tacalcitol deve essere usato una volta al giorno, a differenza del calcipotriolo, che è approvato per una o due volte al giorno di dosaggio, e il calcitriolo.

Vediamo ora le ultime novità dell’uso della Vitamina D per la Psoriasi riguardo le caratteristiche comuni degli analoghi della vitamina D (calcipotriolo, calcitriolo, tacatitolo).

  1. Sono generalmente ben tollerati.
  2. Gli effetti indesiderati locali, inclusi bruciore, prurito, edema, desquamazione ed eritema, sono tra i più comuni e possono interessare fino al 25% dei pazienti.
  3. Il rischio di eventi avversi sistemici più gravi, tra cui ipercalcemia e la rara alterazione della funzionalità paratiroidea possono essere evitati se i pazienti non superano le dosi massime.
  4. I pazienti con malattia renale cronica o che utilizzano farmaci come i diuretici tiazidici sono a maggior rischio di ipercalcemia.

Trattamenti in combinazione.

Continuando con le conferme e le ultime novità dell’uso della Vitamina D per la Psoriasi, accenniamo ai trattamenti in combinazione. Gli analoghi della vitamina D sono utilizzati più comunemente in combinazione con altri trattamenti topici o sistemici. Le indicazioni aggiornate sono descritte di seguito

  1. Bisogna fare attenzione nell’utilizzare la terapia per uso topico combinata e la fototerapia con analoghi della vitamina D poiché gli analoghi della vitamina D sono inattivati ​​dalle radiazioni UV.
  2. Un prodotto a combinazione fissa a base di calcipotriolo e betametasone dipropionato è disponibile in una sospensione per unguento per una volta volta al giorno. Come con altri regimi che combinano analoghi di vitamina D e i corticosteroidi topici, questa preparazione per unguento ai farmaci si è dimostrata più efficace di entrambi gli agenti usati singolarmente. La combinazione fissa è stata anche meglio tollerata rispetto al calcipotriolo da solo.
  3. In particolare, dopo 4 settimane di trattamento la combinazione di farmaci fissi nella formulazione unguento ha raggiunto la risposta di “malattia assente” o “molto lieve” nel 71,2% dei pazienti rispetto al 64% dei pazienti trattati con unguento con il solo betametasone dipropionato e al 36,8% dei pazienti trattati con un unguento con il solo calcipotriolico.
  4. Il farmaco in combinazione nella formulazione di sospensione è approvato anche per la psoriasi del cuoio capelluto e del corpo fino a 8 settimane.
  5. In uno studio clinico per la psoriasi corporea, la combinazione fissa di calcipotriolo 0,005% più sospensione betametasone dipropionato 0,064% topico ha raggiunto il controllo della malattia nel 29% dei soggetti. Mentre il  21,5%, 14,6% e 6,3 % dei soggetti ha dovuto sospendere rispettivamente ll betametasone dipropionato, la sospensione di calcipotriene e il placebo.
  6. Recentemente, la combinazione fissa di calcipotriene 0,005% più betametasone dipropionato 0,064% sospensione topica è stato approvato negli Stati Uniti  per l’uso negli adolescenti (età 12-17 anni) nel il trattamento della psoriasi del cuoio capelluto. In uno studio multicentrico questa sospensione topica a farmaco fisso è stata ben tollerata e ha dimostrato efficacia dopo 8 settimane nel 55% degli adolescenti.

Infine, occorre sapere che gli analoghi della vitamina D possono essere combinati con la fototerapia. L’utilizzo di due regimi giornalieri di calcipotriene con fototerapia a due bande ultraviolette B (UVB) due volte alla settimana ha comportato una maggiore.

Quindi abbiamo più ultime conferme che ultime novità dell’uso della Vitamina D per la Psoriasi del 2018. Lascia un commento e in modo da sapere se il post è stato utile o no e se hai qualche altra curiosità.

Fonte: Psoriasis 2°Ed. Menter M.A. et al. Taylor&Francis 2018

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Pur garantendo l'esattezza e il rigore scientifico delle informazioni, comprovati anche dai riferimenti bibliografici, gli autori del sito Neuroinfiammazione declinano ogni responsabilità con riferimento alle indicazioni fornite sui trattamenti e altro, ricordando a tutti i pazienti visitatori che in caso di disturbi e/o malattie è sempre necessario rivolgersi al proprio medico curante. Infatti, il contenuto, i prodotti e i servizi del blog Neuroinfiammazione hanno l'obiettivo di informare sulle malattie che possono influire sulla vita quotidiana. Ciò nonostante, nulla nel contenuto, nei prodotti o nei servizi deve essere considerato o utilizzato come sostituto alla consulenza medica.

Leggi il Disclaimer.